Generale & News

Sudo vs SU: qual’è la differenza?

Linux - Logo

Su Linux diventare superutente è fondamentale. Se non avete i “poteri da superuente” non potrete compiere anche operazioni di livello comune. Sudo e SU non sono la stessa cosa, andiamo a vedere perché.

Il comando su: Come funziona?

Il comando su serve per diventare un superutente, ereditandone identificativo, identificativo del gruppo, privilegi, permessi d’esecuzione e di navigazione ed in alcuni casi anche variabili d’ambiente, aliases, path predefiniti e quant’altro all’interno di una shell o di un terminale virtuale. La sua sintassi di base è

su <parametro_opzionale> nomeutente

Se usato senza parametri il nomeutente viene impostato automaticamente a “root”, per cui digitare:

su root

e digitare invece:

su

portano allo stesso risultato: dopo la richiesta della password si diventa letteralmente l’utente root, senza quindi restrizioni di alcun tipo sul sistema. E’ possibile uscire dalla sessione inizializzata con “su” utilizzando il comando exit.

Il comando SUDO: sono così differente?

Il comando sudo, sebbene nelle più comuni configurazioni di sistema si utilizzi per guadagnare privilegi di root (e non diventare l’utente root, attenzione), ha un utilizzo molto più complesso. Infatti permette di ottenere particolari privilegi, in accordo con quanto definito nel suo file di configurazione (/etc/sudoers), non appartenenti di default alla propria tipologia di utente. La sua sintassi di base è:

sudo <parametro_opzionale> comando_da_eseguire

Notate già qui la prima differenza rispetto a su: il comando sudo ha come input un comando (e non un utente), e come vi ho già accennato prima, permette di eseguire il comando passato in input con i privilegi definiti nel file /etc/sudoers, impostando provvisoriamente (di default per 15 minuti salvo diversa direttiva) alcuni particolari bit per far sì che ciò accada. In sostanza il comando sudo vi permette di fare ciò che fa un utente “privilegiato” senza il bisogno di possedere la password di root. Di norma, infatti, la password per l’esecuzione dei comandi attraverso “sudo” coincide con la password utente.

Il file /etc/sudoers, in particolare, permette di definire quali utenti possano ottenere privilegi di root invocando il comando “sudo” e permette inoltre di definire nel dettaglio quali comandi possano essere eseguiti da tali utenti in caso di accesso privilegiato.

Ma ecco la vera differenza tra i due comandi

La differenza sta proprio nella modalità di esecuzione dei comandi: con su voi potrete diventare root, con sudo invece potrete agire con privilegi di utente root senza però possederne le credenziali d’accesso. In termini di sicurezza, specie se in un sistema multi-utente, è bene configurare a dovere il file /etc/sudoers per decidere quale utente può ottenere privilegi di root su determinati (o tutti i) comandi anziché mettere a disposizione la password di root a chiunque.

Un esempio: immaginate di gestire un server, di aver bisogno di una mano per eseguire i piccoli task giornalieri e di assumere uno smanettone per farlo. Se voi deste allo smanettone la password di root, nel momento in cui costui smetterà di lavorare per voi sareste costretti a cambiarla (con tutte le conseguenze del caso); se, invece, gli permetteste di eseguire azioni privilegiate tramite il comando “sudo”, qualora lo smanettone smettesse di lavorare per voi vi basterà eliminare il suo nome utente dal file /etc/sudoers ed eliminare successivamente il suo account.

sudo make me a sandwich

In Ubuntu esiste solo “SUDO” ma non “SU”. Perché?

Per impostazione predefinita in Ubuntu non è impostata password di root, ragion per cui l’account root è inizialmente inutilizzabile ed il comando “su”, semplicemente, non vi permetterà di accedervi. Riuscite comunque ad eseguire comandi con permessi elevati poiché il vostro account (o qualsiasi account di tipo “Amministratore” presente nel sistema) si trova nel file /etc/sudoers ed è configurato per eseguire qualsiasi comando con privilegi di root.

In realtà, leggendo con più attenzione la pagina di manuale, scoprirete che è possibile diventare “materialmente” root anche in Ubuntu utilizzando soltanto il comando “sudo”: vi ho già detto che per impostazione predefinita l’utente di tipo “Amministratore” può eseguire tutti i comandi di sistema con privilegi elevati, per cui vi basterà eseguire una shell utilizzando un preciso parametro di sudo:

sudo -s

Se tutto ciò non dovesse bastarvi e voleste comunque abilitare l’account root (NON fatelo, vi ripeto NON fatelo, a meno che non vogliate cimentarvi in una modifica matta e disperata di /etc/sudoers, in tal caso l’account root potrebbe salvarvi la vita in caso di errore) anche su Ubuntu, tutto ciò che dovrete fare sarà invocare il comando passwd attraverso sudo:

sudo passwd

A quel punto vi sarà prima chiesta la vostra password utente, dopodiché dovrete impostare e ripetere la password dell’utente root. Fatto ciò, potrete utilizzare il comando “su” anche in Ubuntu. Per favore, non fatelo. E’ troppo pericoloso.

Voglio approfondire tutta la faccenda! Come faccio?

Per approfondire il tutto, vi consiglio di leggere le pagine di manuale di entrambi i comandi (man su e man sudo | qui).

Sono pazzo. Voglio personalizzare quel file per ottenere dei permessi ROOT perenni. Accorgimenti?

Prima di modificare /etc/sudoers, seguite alcune raccomandazioni:

1) Abilitate l’account root se disabilitato e/o accertatevi che la password sia esatta e funzionante: se sbagliate con sudoers, l’unico modo di poter guadagnare privilegi elevati e rimetterlo a posto sarà proprio diventare l’utente root;

2) Leggete attentamente guide e pagine di manuale adatte allo scopo e valutate i pro e i contro prima di salvare qualsiasi modifica: un errore potrebbe costarvi molto caro.

3) Utilizzate il comando “visudo” per modificare il file sudoers; non potrà certo salvarvi dal commettere errori logici però quantomeno vi segnalerà eventuali errori di sintassi (utilissimo). 

Sono presenti link non funzionanti nell'articolo? Segnalalo tramite commento oppure mandaci un Email a Info@desktopsolution.org

Hai bisogno di aiuto? Scrivi il tuo problema sul nostro Forum, i nostri moderatori ti aiuteranno.

Perché sul Forum? - Perché è più facile da gestire molte richieste di aiuto.
Grazie della collaborazione

Informazioni sull'autore

LucaH2

CEO e Fondatore di questo blog, sono un perito industriale capo-tecnico specializzazione Chimica, ma amo la tecnologia. Sono un appassionato di tutte le novità tecnologiche, con abbastanza esperienza sui sistemi di rete, hardware e software.

Oltre alla tecnologia un’altra grande passione sono le auto e le competizioni, ho abbastanza esperienza nella realizzazione e progettazione di vetture monoposto e biposto.

Categorie

Commenti Recenti